Ad Menu

Iscriviti ai Mondi dell'Altrodove per ricevere gli articoli via e-mail!

martedì 26 maggio 2009

3

L’ETERNA DOMANDA: ma mi ami o no?

Escaping Criticism by Pere Borrell del Caso, 1874

Image via Wikipedia

Tutto inizia nei primordi della nostra vita: giusto giusto sulle soglie dell’infanzia. Quello che noi abbiamo intorno, lo assorbiamo per osmosi, come fossimo tante tenere e bianche radichette. Così forgiamo dentro la nostra mente i modelli che poi applicheremo a noi stessi ed anche agli altri. Qualcuno lo fa senza notare la differenza tra la realtà e ciò che noi pensiamo sia vero.

Il Caso: figlio ventitreenne aiuta amica con problemi famigliari. Le dà dei soldi e diviene il suo confidente. Un giorno l’amica lo chiama sul cellulare, ma lui, a causa del lavoro, non può rispondere. Allora l’amica lo prova a chiamare a casa e risponde il padre di lui, che dice: vieni. Finale: lei rimane incinta del padre che, d’accordo con la moglie, porta amica e bimba - nel frattempo ormai nata - a casa.



Risultato: il padre, con l’appoggio della moglie, butta fuori di casa il figlio.

Problema: fino a che punto una donna può perdonare il marito? E fino a che punto una ragazza deve arrivare per accettare una situazione del genere? E che ruolo ha un figlio adulto – economicamente semi-indipendente (non guadagna poi molto, poiché lavora in un pub) – nel decidere della vita di una coppia che è, sì sua madre e suo padre, ma sono pur sempre adulti maggiorenni e sposati tra loro? E per ultimo – ma non meno importante – fino a dove un uomo crede possano arrivare gli affaracci suoi???!!??

Bene, questa che vi ho raccontato è una storia vera. Voi la credete possibile ai giorni nostri, in una famiglia italiana di medio stipendio e con una casa semplice, ma di proprietà?

Note: il padre è operaio e la madre è casalinga. Il figlio è studente universitario, lavora in un pub e ha già cambiato  sei facoltà, senza avere ancora le idee chiare. Lei è appena maggiorenne e vive fuori casa, allontanata dalla famiglia. E’ del Sud. E forse – e dico forse perché non lo so con sicurezza – non ha più una madre.

Per ora mi fermo qui, ma la storia non è finita…


3 puntini di sospensione:

  • Memole

    Ciao Daniela,
    grazie per la visita. :)
    Certo che se ne sentono di tutti i colori...
    aspetto il seguito. ;)
    Complimenti per il blog: davvero molto interessante!
    Un salutone

  • Daniela

    Ci sono colori diversi per ogni universo che visiti. Solamente, gli uomini e le donne che li abitano sono fondamentalmente gli stessi... torna a visitarmi.
    Ciao!!

  • Ormoled

    Io ne conosco un paio di storie simili e vere per esperienze più o meno dirette... questa però è propio particolare. La sensazione è che ci sia poca chiarezza in tutti i sensi, tra la coppia, la terza ragazza e il figlio (che mi pare abbia comunque le idee un po confuse).La vera domanda è sono felici? se no devono far qualcosa. Amare una persona a volte vuol dire tenersela stretta, altre volte vuol dire lasciare. Ciao Daniela

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

rosa sui libri

Java script dei numeri pagina blog

Post più popolari

Denim Template © www.Blogger.com - Clear Template by http://lafarfallachescrive.blogspot.com

changed Altrodove Template by http://altrodoveblog.blogspot.com/

Non copiare, ma chiedi, linka e ti sarà dato!

I MONDI DELL'ALTRODOVE by Daniela Gambo is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Creative Commons License

«I Mondi dell'Altrodove» Copyright © 2008 di Daniela Gambo

Back to TOP