Ad Menu

Iscriviti ai Mondi dell'Altrodove per ricevere gli articoli via e-mail!

venerdì 10 giugno 2011

1

Referendum: ultime dritte per non sbagliare


Lo sapete tutti, domenica e lunedì andremo a otare per il tanto atteso referendum composto da quattro quesiti. Devo dire che personalmente era da anni che non vedevo e non sentivo una partecipazione così popolare e un movimento così deciso; penso sia un sentore del fatto che i cittadini hanno voglia di essere protagonisti e finalmente vicini a temi delicati, ovvero artefici del proprio futuro.
Mancando poche ore al voto, penso sia utile questo breve intervento con cui si spiegano chiaramente e senza termini tecnici e di difficile comprensione, cosa trattano i quesiti. Quindi: cosa bisogna sapere? Quali sono le schede? Quale colore corrisponde a quale domanda e quali sono i consigli per non "gettare" un voto al vento?

Iniziamo dalle schede:

Scheda rossa, quesito n. 1: è il quesito relativo all’acqua. Votando sì, si chiede di riportare pubblica la gestione del servizio idrico, che quindi non potrà più essere affidata a soggetti privati.

Scheda gialla, quesito n. 2: ulteriore quesito sull’acqua. Votando sì, la tariffa del servizio idrico servirà a coprire solo la gestione, vietando così qualsiasi profitto.

Scheda grigia, quesito n. 3: è il quesito relativo al nucleare. Votando sì, si chiede di vietare la realizzazione di impianti nucleari sull’intero territorio nazionale, per almeno i prossimi cinque anni.

Scheda verde, quesito n. 4: è il quesito relativo al legittimo impedimento ovvero la possibilità, votando sì, di abrogare la legge che disciplina i casi in cui il Presidente del Consiglio e i Ministri possono non comparire in udienza penale, rimarcando così che la legge è uguale per tutti.

E' importante ricordare che quelli del 12 e 13 giugno sono referendum abrogativi per cui votando no si decide di mantenere la legge in vigore mentre votando , viceversa, si decide di abrogarla.
L'obiettivo è, infatti, se si raggiunge il quorum, di abrogare le norme in vigore.

Altre indicazioni utili: per aver diritto ad esprimere le preferenze di voto sui quesiti referendari proposti, bisogna presentarsi nella propria sezione d’appartenenza del seggio elettorale avendo con sé la tessera elettorale e un documento d’identità validi.

Importante aspetto sottovalutato e possibile causa dell'invalidità di molte schede potrebbe essere quello del voto con schede sovrapposte, motivo per cui è indispensabile aprire le schede una per volta, senza sovrapporle durante la segnatura della ‘X’ sul sì o sul no, onde evitare di marcare involontariamente le schede sottostanti, rischiandone il relativo annullamento.
Auguro a tutti voi un voto espresso con coscienza e dignità, al fine di raggiungere il quorum, per dar così voce al nostro voto libero e democratico.

1 puntini di sospensione:

  • VOTASI

    interessante: quel rischio di marcare le schede mettendole una sull'altra non lo sapevo. Anche se ho sempre votato aprendone una alla volta e poi richiudendola prima di prenderne un'altra, non sapevo del rischio. Vero è che nessun scrutatore o eventuale richiamo televisivo ne ha mai fatto accenno.
    Bell'articolo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

rosa sui libri

Java script dei numeri pagina blog

Post più popolari

Denim Template © www.Blogger.com - Clear Template by http://lafarfallachescrive.blogspot.com

changed Altrodove Template by http://altrodoveblog.blogspot.com/

Non copiare, ma chiedi, linka e ti sarà dato!

I MONDI DELL'ALTRODOVE by Daniela Gambo is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Creative Commons License

«I Mondi dell'Altrodove» Copyright © 2008 di Daniela Gambo

Back to TOP